GPI Milano 2018 (1di4) (Gran Prix Italiano)

28 Gennaio 2018

Via Sant'Uguzzone, 8, 20126 Milano MI - Milano


Vincitore:
Roberto Sperandio



Formula:
7 turni svizzera

La prima tappa del Gran Prix Italiano 2018 si svolge come di consueto nel capoluogo lombardo, alla Casa dei Giochi, ospitale e coinvolgente sede ludica milanese e vede sfidarsi dodici giocatori: il pluri-campione europeo Takuji Kashiwabara (undici volte sul tetto d’Europa e addirittura vincitore delle ultime sette edizioni del GPE!), i primi due del ranking italiano Alessandro Di Mattei e Roberto Sperandio, altri quattro maestri, due giocatrici di categoria, costantemente protagoniste nel recente panorama femminile italiano e tre esordienti, tra i quali un promettente classe 2001.

Dopo due turni tre soli giocatori al comando della classifica generale: Kashiwabara, Barnaba e Sperandio, proprio coloro che si spartiranno il podio finale, ma è ancora tutto da decidere l'ordine!
Al terzo turno la sfida al vertice tra Sperandio e Kashiwabara vede prevalere Roberto che, approfittando della contemporanea sconfitta di Barnaba ad opera di Domenico Palladino, vola solitario al comando.

Il quarto turno nulla muta per i due leader, mentre il campione giapponese deve incassare il momentaneo sorpasso per la terza piazza ad opera di Gianluca Ilacqua, che riesce anche ad acciuffare Barnaba.

Al quinto turno assistiamo al match-clou tra Barnaba e Sperandio ed è Donato a vincere, al termine di una partita molto combattuta.
A due turni dalla fine del torneo ritornano in parità Donato e Roberto: l’incredibile suspense ci incolla alle sedie!

Sempre alla quinta partita Takuji Kashiwabara inizia la striscia di tre vittorie consecutive che gli consegneranno alla fine il sospirato bronzo.
Gli ultimi due turni vedono due vittorie per i capo-classifica, che quindi concludono a pari punteggio. Non resta che appellarsi alla differenza pedine, che sorride a Roberto Sperandio (+170 vs +128), che trionfa quindi al GPI di Milano 2018.

La categoria donne vede amiche ed avversarie Chiara Gigliucci e Maria Serena Vecchi, con un precoce salto in avanti di Maria Serena al secondo turno, rintuzzato da Chiara al turno seguente, che poi già al quarto match conquista la leadership in rosa.
La vittoria nel delicato e dal pronostico incerto scontro diretto che le vede protagoniste al quinto turno consente a Chiara Gigliucci di vincere in modo convincente la categoria del gentil sesso.

Il torneo categoria A-B-E vede invece incrociarsi i destini delle due donne con quello di tre esordienti: Marco Tomberg, Luca e Pierandrea Formusa.
Le alterne vicende di questi cinque giocatori generano una sfida equilibrata, che alla fine del penultimo turno vede ancora in parità due di loro: Chiara e l’apprezzato e sorprendente Luca Formusa, brillanti protagonisti anche di un avvincente testa a testa nello scontro diretto al quarto turno. All'ultimo turno Chiara vince anche questa categoria e il giovane Formusa riceve il meritato onore delle armi dal maestro Alessandro di Mattei.

In conclusione un torneo molto combattuto in tutte le categorie e ben gestito da Giuseppe Chiarulli, sempre attento alle esigenze di tutti e capace di trovare anche il tempo per una vittoria di prestigio contro Alessandro al quinto turno.

( Pierandrea Formusa )



Torna ai Risultati

Torna all'Home Page